Last Minute home Last Minute Eventi
Guide turistiche Arte e monumenti Case per vacanza Case in vendita Newsletter Inserisci casa per vacanze
contatti
Guide > Veneto > Schio

Guida Turistica di Schio (VI)

Schio è un popoloso comune della provincia di Vicenza che conta quasi 40mila abitanti ed è situato all'imboccatura della Val Leogra, circondato da montagne che ne hanno favorito lo sviluppo industriale, in particolar modo dell'arte laniera.

Collegamenti

Come arrivare in AUTO: Autostrada A 31 Thiene , uscita Thiene - Schio / SS 46 del Pasubio Vicenza-Costabissara-Motta-Isola Vicentina-Malo.

Come arrivare in TRENO:
Linea ferroviaria Vicenza - Schio, stazione di Schio.

Come arrivare in AEREO:
Aeroporto Marco Polo di Venezia / Aeroporto Valerio Catullo di Verona Francavilla.

Attrazioni

La località vicentina di Schio ospita numerosi esempi di architettura laica e religiosa, degni di nota e assolutamente da visitare.

Si parte dal settecentesco Duomo, ampliato nel corso dell'800 dall'architetto Negrin, che nella propria sacrestia conserva una preziosissima tela di Palma il Vecchio. Opposto al Duomo si trova invece il neoclassico Palazzo Da Schio, oltre il quale si possono scorgere gli antichi (e ben conservati) del Castello Vicentino, abbattuto nel corso del Cinquecento durante una cruenta battaglia.

La quattrocentesca chiesa di S. Francesco vanta un pregiato e pregevole coro in legno datato 1509, una pala di Santa Caterina in stile rinascimentale e alcuni affreschi raffiguranti le vicende dell’Ordine risalenti al XV-XVI sec.

Attraversando la cittadina, lungo la centralissima via Pasubio, si incontrano gli stabilimenti della Fabbrica Alta (ultimati alla fine dell'Ottocento sul modello dei plessi industriali nord-europei), che rappresentano un eccezionale esempio di archeologia industriale e sono da tempo in attesa di una nuova destinazione d’uso.

Nei paraggi della periferia di Schio sorgono invece gli impianti termali di Recoaro ed il Santuario del Pasubio, realizzato nel 1926 in memoria degli oltre 5mila caduti italiani e austriaci nel corso della Grande Guerra.

Da non dimenticare anche il massiccio del Pasubio (oltre 2mila metri s.l.m.) che offre la possibilità di effettuare suggestive escursioni.
UltimissimoMinuto