Last Minute home Last Minute Eventi
Guide turistiche Arte e monumenti Case per vacanza Case in vendita Newsletter Inserisci casa per vacanze
contatti
Guide > Puglia > Fasano

Palazzo dei Cavalieri di Malta

Guida Turistica di Fasano (BR)

Fasano (BR) segna la fine del territorio salentino, prima che cominci quello relativo alla Murgia barese. Il nome deriva da "faso", termine antico per indicare un colombo selvatico e in effetti sullo stemma civico è presente un colombo bianco. La città è il Comune più popoloso della provincia di Brindisi, circa 38.500 abitanti, e si trova a 111 metri s.l.m., in una zona ricca di ulivi che va dal mare sino ai 400 metri (Selva di Fasano) di colline ammantate di lecci, vigneti e macchia mediterranea.

Collegamenti

Per arrivare a Fasano in auto, chi arriva da BARI deve imboccare la superstrada BR-LE e uscire allo svincolo per Fasano, analogamente chi percorre in senso opposto la superstrada LE-BR-BA, dopo Brindisi, troverà la segnalazione dell'uscita per Fasano.

In treno si scende proprio alla Stazione di Fasano, mentre gli Aeroporti più vicini sono quelli di Bari e Brindisi, poco più di 50 km di distanza per entrambi. Una volta sbarcati, si prosegue con altri mezzi, autobus, taxi, treno.

Attrazioni

Fasano da sempre ha vocazione turistica e il visitatore che arriva non rischia certo di annoiarsi, può invece guardarsi intorno e soddisfare le curiosità in relazione ai suoi interessi.

Qualche esempio significativo:

PARCO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI EGNAZIA
dove è possibile prendere visione delle prime testimonianze lasciate dall'uomo, trattandosi di una zona abitata sin dal XIV secolo a. C., Età del Bronzo. E a tale età risale la datazione del DOLMEN di MONTALBANO, ancora ben messo nella sua struttura, nonostante l'ingiuria del tempo e anche dell'uomo.

CHIESA MATRICE di SAN GIOVANNI BATTISTA
, aperta al culto durante il 600, ha una facciata di stile rinascimentale in tufo locale e l'interno, in tre navate, custodisce affreschi pregevoli e tele dell'800 di pittori locali. Ha un campanile quadrangolare in stile barocco ultimato nel 1763. La sua copertura "a cipolla", distrutta da un fulmine, attende ancora di essere ripristinata.

TORRIONE delle FOGGE
, a difesa della porta est della città, indica l'unica struttura "a torre" rimasta, rispetto alle 11 originarie che servivano a difesa della città, insieme con le mura di cinta. Le "fogge" erano i "pozzi" che rappresentavano la riserva d'acqua.

L'elencazione delle testimonianze del passato potrebbe essere lunga, chi vorrà potrà scoprire tanto ancora, qui pare giusto suggerire la visita del CENTRO STORICO (che merita davvero per le sue viuzze, per gli archi, per le pareti imbiancate) e la visita sulla Selva dello ZOOSAFARI che dal 1973 a oggi... ne ha fatta di strada! Grandi e piccoli ne rimarranno affascinati, perché ZooSafari è animali selvatici in libertà, leoni, giraffe, elefanti, scimmie..., è Delfinario, unico al sud, è Parco Divertimenti e altro ancora.

Poi, all'ombra di quella veranda che dà sulla Selva, sarà appagante gustare le orecchiette o i maccheroni "fatti a mano", le cozze con le patate, la zuppa di pesce, il polipo "alla pignata", i "turcinieddi" (= Interiora di agnello o capretto) e, se non si deve guidare, sarà d'obbligo il vino locale genuino.
UltimissimoMinuto