Last Minute home Last Minute Eventi
Guide turistiche Arte e monumenti Case per vacanza Case in vendita Newsletter Inserisci casa per vacanze
contatti
Guide

Ferragosto

Le origini del Ferragosto si perdono nella notte dei tempi e sono, come di consueto per le feste laiche, collegate ai cicli della coltivazione e dei lavori agricoli.

FerragostoAgosto è infatti tradizionalmente il mese del raccolto nei campi, quando il duro lavoro invernale e primaverile giunge a compimento e i granai possono cominciare a riempirsi delle messi: nella Roma antica, le festività che celebravano questo momento importantissimo dell'anno erano chiamate Consualia, ma tutto il mese era caratterizzato da un'insolita concentrazione di ricorrenze che a loro volta si rifacevano a tradizioni più antiche, addirittura preistoriche. Il 13 agosto era inoltre il giorno dedicato al culto della dea Diana, patrona della luna e della maternità e quindi legata a doppio filo con i riti della crescita e della vegetazione.

Fu l'imperatore Ottaviano Augusto ad aggiungere al calendario le "feriae Augusti" (il riposo di Augusto) con un'abile mossa propagandistica, collegando cioè il culto della sua figura a un momento di meritato riposo per tutti i contadini che avevano speso ogni energia per la coltivazione dei campi. L'occasione era ideale anche per celebrare Vertumno, dio delle stagioni, Conso, dio dei campi e Opi, dea della fertilità. Più tardi a questi omaggi si unirono anche quelli legati a divinità di origine orientale, come la dea madre sira Atagartis, fino a rendere quel giorno di metà agosto un unico grande omaggio a tutti i numi che avessero in qualche modo a che fare con i concetti della crescita, del concepimento e della nascita.

GirasoleDa sempre il Ferragosto in Italia è carico di una simbologia legata all'estate e alla fioritura: già durante le "feriae Augusti" (da cui la locuzione "chiuso per ferie") erano una vista comune le gare e le processioni di animali addobbati a festa per le vie del paese, e ancora oggi molte tradizioni ancora esistenti in Italia si ispirano allo stesso principio, con palii, "cavalcate" e "infiorate" varie. Basti pensare, ad esempio, al senese Palio dell'Assunta, dove la gara si mescola all'omaggio verso la Vergine.

Il giorno di Ferragosto era poi quello in cui i lavoratori ricevevano una speciale mancia dai loro padroni, usanza talmente radicata da diventare obbligatoria durante il Rinascimento tramite decreto pontificio. Secondo alcuni studiosi, la "tredicesima" degli odierni stipendi discende proprio da questa tradizione. In generale, come spesso accade in feste così antiche la distinzione tra le classi sociali tendeva a scomparire, e gli eventi con cui si rendeva omaggio alla fine del raccolto erano tra i più "democratici" di tutto l'anno, e non era affatto raro vedere il padrone ballare insieme al contadino.

Come tante volte è successo per le festività di derivazione pagana, la Chiesa cattolica ha cercato di abolire e ha poi provveduto a dotare di un significato religioso anche il Ferragosto, dedicando il giorno all'Assunzione in cielo della Beata Vergine, dogma di fede stabilito da papa Pio XII il primo novembre del 1950. Al giorno d'oggi Ferragosto è quindi il giorno di festa più importante di mezza estate, variamente celebrato nelle varie località d'Italia secondo i diversi usi e costumi della tradizione.

Piazza NavonaL'acqua, simbolo di fertilità soprattutto nelle torride notti agostane, è alla base di molte tradizioni collegate al Ferragosto. A Roma, ad esempio, fino a non molti decenni fa era uso comune allagare quasi completamente Piazza Navona ai primi di agosto, per offrire refrigerio ai cittadini e rievocare in qualche modo le antiche naumachie (battaglie navali che secondo alcuni storici si svolgevano nello stadio di Domiziano). Un altro simbolo di grande potenza è quello del fuoco, come già capita durante la notte di San Giovanni a giugno: in Sicilia, ad esempio, le feste dei "fuochi" - tipiche a Piana dei Greci - vedono il rogo celebrativo di grandi mazzi di ampelodesimi, mentre a Trapani una tradizione ancora fino a poco tempo fa imponeva agli abitanti di munirsi di torce e incamminarsi in processione per bruciare le erbacce ai lati della strada. A Messina, per terminare la carrellata siciliana, si ha la cavalcata del Gigante e della Gigantessa, ovvero di giganteschi fantocci realizzati in cartapesta che vengono portati in processione lungo le vie della città. I nomi con cui vengono indicati questi fantocci è indicativo dell'antichissima fortuna della festa di Ferragosto: Cam, Saturno, Rea o Cibele.

Bandiere delle Contrade di SienaDurante il Palio dell'Assunta a Siena, si segue un cerimoniale molto preciso che rende omaggio sia all'antico Ferragosto che alla Madonna. Vengono dapprima infatti estratte le dieci contrade su diciassette (Aquila, Bruco, Chiocciola, Civetta, Drago, Giraffa, Istrice, Liocorno, Lupa, Nicchio, Oca, Onda, Pantera, Selva, Tartuca, Torre, Val di Montone) che prenderanno parte alla gara che attira centinaia di migliaia di visitatori da tutto il mondo, subito dopo aver offerto dei ceri alla Vergine Assunta, protettrice della città. Vengono poi estratti anche i "barberi" e le varie prove, fino a quella nella splendida piazza del Campo. Lì un corteo con il Carroccio porta in processione il "drappellone" che fungerà da premio per la contrada vincitrice. Il vincitore del Palio è il cavallo che dopo tre giri di pista taglia per primo il traguardo.

A Livorno
, invece, il 17 agosto è il giorno del palio marinaro, mentre il 30 si celebra la Madonna di Montenero con una suggestiva sagra, che vede i fedeli recarsi in pellegrinaggio fino al colle dove sorge il santuario ancora oggi ricolmo di ex-voto di origine chiaramente marinaresca.

Anche Fermo festeggia il Ferragosto con un palio - la Cavalcata dell'Assunta - forse meno noto di quello di Siena ma ugualmente suggestivo. Il 14 agosto si rievoca infatti una tradizione molto antica, che vedeva i vari rappresentanti delle corporazioni cittadine offrire alla Vergine vari omaggi e poi sfilare in processione fin dal 1182. Questa processione, in onore dell'Assunta patrona di Fermo, vedeva sfilare i vari componenti delle corporazioni preceduti dai trombettieri del Comune, dai donzelli, dai gonfalonieri delle sei contrade (Pila, San Martino, Fiorenza, San Bartolomeo, Castello, Campolege), dai Capitani d'arme e dalle altre autorità. Era uno sfoggio di potenza dello stato fermano e tutti i partecipanti dovevano sfilare esibendo i vestiti e i paludamenti più splendidi che avessero a disposizione. Il Palio si svolgeva alla mattina e vedeva l'assegnazione di un palio di seta preziosa (come il "drappellone" senese, insomma) al vincitore. Poi tradizionale era il gioco dell'anello e della Quintana: nel primo l'abilità del cavaliere era centrare un anello fisso o mobile con la sua lancia, mentre nel secondo doveva essere tanto abile e tanto rapido da colpire un bersaglio mobile senza che questo roteasse abbattendo lo stesso cavaliere.

In Lombardia, una ricorrenza particolare collegata al 15 agosto era detta "dare il Ferragosto", e consisteva appunto nel donare generose mance o altri emolumenti alle maestranze, in modo che queste potessero festeggiare degnamente il Ferragosto. Soprattutto nei cantieri edili veniva fissato un ramo d'albero per ricordare scherzosamente al padrone l'imminente esborso: questo ramo veniva appunto detto "pianta del faravost".

A Ferragosto il piatto della tradizione è il piccione arrostito, come riportato anche dal famoso detto "A Ferragosto si mangiano i piccioni arrosto". Questa specialità è originaria della Toscana, ma ormai in tutti gli angoli d'Italia ormai sono stati creati dei menu "ad hoc" per questi giorni di mezza estate che privilegino i prodotti stagionali, nonché il pesce e quanto deriva dagli ultimi raccolti.

A favorire questo tipo di celebrazioni del Ferragosto c'è naturalmente il periodo estivo, di vacanza, che fa di questa festa quasi il centro tradizionale della villeggiatura: perciò sagre, feste di paese ed eventi vari si concentrano soprattutto nei paesi di mare e di montagna. Inoltre, il 10 agosto è la notte di San Lorenzo, quando le stelle cadenti possono essere viste a occhio nudo durante tutta la notte: si tratta delle Perseidi, le celebri "Lacrime di San Lorenzo". La pioggia di meteore continua anche nei giorni successivi e non è raro che al giorno di Ferragosto si accompagni anche una suggestiva notte passata col naso all'insù per vedere nel terso cielo stellato d'estate uno spettacolo senza pari ed esprimere un desiderio.

Ferragosto è una festa religiosa non solo per l'Italia, ma anche per la grande maggioranza degli altri paesi a tradizione cattolica: tra questi i più importanti sono Andorra, l'Austria, il Belgio, la Bosnia, il Burundi, il Camerun, il Cile, il Congo, la Costa d'Avorio, la Croazia, la Colombia, Cipro, l'Ecuador, la Francia, il Gabon, la Grecia, la Guinea, Haiti, il Libano, la Lituania, il Lussemburgo, il Madagascar, Malta, le Mauritius, la Macedonia, la Moldavia, Monaco, il Paraguay, la Polonia, il Portogallo, la Repubblica Centroafricana, la Romania, il Ruanda, il Senegal, la Spagna, la Svizzera, Tahiti, il Togo e Vanuatu. Alcuni stati ortodossi invece fanno ancora riferimento, per le festività canoniche, al calendario giuliano anziché a quello gregoriano, e quindi per loro l'Assunzione della Beata Vergine cade il 28 agosto.

La Festa dell'Assunta è celebrata particolarmente in alcune città del Centro e Sudamerica, come Guatemala City, di cui la Vergine è la patrona; in Costa Rica e in altre località la festività è accorpata alla Festa della Mamma e si trasforma in un vero e proprio evento dedicato alla maternità, sia celeste che umana. Anche a Malta il 15 agosto viene festeggiato con particolare solennità in tutte le chiese dell'isola.

Ferragosto è stato celebrato anche nella letteratura e nel cinema: dal romanzo "Ferragosto di morte" di Carlo Cassola a "Scherzo di Ferragosto" di Arturto Carlo Jemolo, passando dal premiato film italiano "Pranzo di Ferragosto" diretto da Gianni di Gregorio alle indimenticabili scene de "Il sorpasso" di Dino Risi: è proprio in un "Ferragosto qualunque" che inizia il celebre giro in macchina di Vittorio Gassman e Jean-Louis Trintignant, destinato a cambiare la storia del cinema.

Il 15 agosto cadono inoltre numerosi altri anniversari e ricorrenze. Tra questi, la battaglia di Roncisvalle, con la morte di Orlando (che, non a caso, viene anch'esso "assunto in cielo" dagli angeli), la morte di Macbeth, il protagonista storico della celebre tragedia di Shakespeare, la consacrazione della Cappella Sistina, la fondazione della Compagnia di Gesù a opera di Ignazio di Loyola. Sono nati a Ferragosto il regista messicano Gonzalez Inarritu, l'attore Ben Affleck, il ginnasta italiano Igor Cassina. L'opera lirica "Pagliacci" di Leoncavallo si svolge inoltre proprio nel giorno di Ferragosto.

Mare
UltimissimoMinuto